UN QUINQUENNIO PER NULLA

22,00

UN QUINQUENNIO PER NULLA

Éric Zemmour

22,00

Il bestseller di un autore che in Francia viene accostato a Houellebecq.
Provocatorio, irritante, scorretto, rivelatore.
Una mappa per capire come è cambiata la Francia e l’ Europa negli ultimi anni.

Il quinquennio di Hollande è sfociato nel sangue. Con una macchia di un rosso vivo indelebile. Gli attentati contro Charlie e l’Hyper Cacher di Vincennes, e il massacro del Bataclan, annunciano l’inizio di una guerra civile francese, o peggio europea, e la grande sfida lanciata dall’islam alla civiltà europea sulla sua terra d’elezione.

Questo ritorno del tragico si scontra con una bonarietà presidenzia- le ai limiti della vacuità. Come se la storia avesse atteso, ironica, che all’Eliseo si installasse il presidente più mediocre della Quinta Repubblica per prendere il sopravvento. Come se il destino funesto della Francia dovesse nuovamente dar corpo alla celebre formula del generale de Gaulle dopo la sua visita al povero presidente Le- brun, frastornato dalla débâcle del 1940: “In fondo, come capo dello Stato, gli erano mancate due cose: essere un capo e avere uno Stato”. Come se la caduta da Pompidou a Sarkozy non fosse stata suffi– ciente, non abbastanza umiliante. Quest’ultimo era stato eletto per diventare primo ministro; il suo successore per diventare ministro del Tesoro. Un quinquennio per nulla.

L’ultimo libro di Éric Zemmour continua l’analisi iniziata ne Il sui- cidio francese estendendola al periodo dei cinque anni di presidenza Hollande segnati dagli attacchi terroristici oltre che dalle ondate migratorie.

APRILE 2017