Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

“Napoli adagio” ai Chiostri di Sant’Eustorgio ONLINE

13 Gennaio @ 18:30 - 19:30

Presentazione di “Napoli adagio” ai Chiostri di Sant’Eustorgio

Incontro con Teresa Monestiroli, giornalista di Repubblica e Francesca Amirante, storica dell’arte
Introduce Nadia Righi, direttrice Museo Diocesano

Dopo Milano e Venezia, la terza uscita della collana “gli adagi”, curata da Teresa Monestiroli, è dedicata a Napoli. Scritta da Francesca Amirante, storica dell’arte, “Napoli adagio” è un percorso di iniziazione per guardare la città in modo trasversale, “sapendo che solo la capacità di mettersi in gioco permette di viverla fino in fondo”. Da Napoli proviene l’Annunciazione di Tiziano, esposta al Museo fino al 6 febbraio: sarà questa l’occasione per raccontare anche la chiesa di san Domenico a Napoli per cui Tiziano aveva dipinto la grande tela.

NON è necessaria iscrizione.

Incontro gratuito / L’incontro prevede l’utilizzo della piattaforma ZOOM. Accesso sino ad esaurimento posti

ORARIO: ore 18.30 / DURATA: 60 min.

Link ZOOM per partecipare all’incontro:

https://us02web.zoom.us/j/83007058979?pwd=dmJON3cvWlN6TW5iSloxZENEbm5UQT09

ID riunione: 830 0705 8979 / Passcode: 121420

Il libro

«Napoli è fatta di luci e ombre, cultura e ignoranza, miseria e nobiltà. I napoletani hanno l’attitudine a esorcizzare, a trasformare tutte le esperienze, anche le più drammatiche, in qualcosa di bello, ma anche di fugace, come la musica. Hanno la pazienza di cucinare il ragù ma anche l’agilità di afferrare una pizza al volo, lungo la strada.

Il nostro adagio sarà una ricerca di tempo e di spazio mentale per fare degli incontri: con i luoghi, gli oggetti, le opere, gli spazi aperti e, soprattutto, con l’umanità. Un adagio a piedi o in bicicletta o su una barca, ma anche in attesa di un mezzo pubblico, nel traffico delle ore di punta. Attraverserà Napoli in lungo e in largo: da Posillipo San Giovanni a Teduccio, da Secondigliano Fuorigrotta, dal centro antico al Vomero, perché ovunque si può trovare una forma – aperta o chiusa, rettangolare o tonda, dritta o a zig zag – da svelare.

I Chiostri di Sant’Eustorgio

I Chiostri di Sant’Eustorgio sorgono in uno dei luoghi più significativi dal punto di vista della storia della chiesa ambrosiana. Proprio qui accanto infatti San Barnaba, secondo la tradizione, avrebbe battezzato i primi cristiani milanesi dando origine alla chiesa locale.

Nel complesso aveva sede, già a partire Duecento, il primo convento domenicano milanese e i due chiostri, nei quali hanno sede il Museo della Basilica di Sant’Eustorgio e il Museo Diocesano Carlo Maria Martini  sono dunque ciò che resta di quell’antico convento.

Dal 2016 Chiostri di Sant’Eustorgio sono un complesso museale che offre alla città un’unica proposta culturale, con biglietteria unica e programma culturale integrato.

Il complesso museale è composto dalla Basilica di Sant’Eustorgio, dal Museo della Basilica di Sant’Eustorgio e dal Museo Diocesano Carlo Maria Martini.

Luogo

Online