Longevità di un’impostura: Michel Foucault

14,00

Longevità di un’impostura: Michel Foucault

Jean-Marc Mandosio

14,00

Coerenza o convenienza?
Foucault è ancora intoccabile?
Come trasformare uno spirito sovversivo in brillante carriera.
Dietro il pensiero di un filosofo più citato che letto gli inganni di un’intera cultura.

Michel Foucault è considerato il più grande filosofo francese del suo tempo, un autore di culto che a decenni dalla morte viene ancora indicato come uno degli intellettuali più influenti della nostra epoca. Non sono mancate critiche al suo lavoro ma il pamphlet di Jean-Marc Mandosio, oltre a riesaminare l’eredità lasciata dall’autore di Le parole e le cose e Sorvegliare e punire, mette alla prova la coerenza tra la condotta e il pensiero di Foucault, mostrando come le sue teorie siano state orientate spesso da semplice convenienza.
Opportunista, privo di rigore, incoerente e preoccupato per prima cosa della sua carriera universitaria, ha assecondato molte mode culturali: anticomunista, marxista, vicino ai maoisti, goscista, esponente dello strutturalismo per rinnegare sempre tutto al momento giusto.
In queste pagine ironiche e dotte, Mandosio coglie doppiezze di un uomo che ha sempre criticato i sistemi di potere senza mai disdegnare i ruoli istituzionali che quel potere gli offriva. Il suo tragitto filosofico si mostra lastricato di ipocrisie, trucchi usati per presentarsi come un pensatore eccezionale – grazie a un linguaggio oscuro, vago, usato per abbagliare i lettori. Mandosio demolisce con eleganza e piglio graffiante il mito Foucault e la venerazione dei suoi seguaci.
L’AUTORE
Jean-Marc Mandosio, nato nel 1963 a Parigi è professore universitario e traduttore francese specialista in letterature neolatine. Le Discours de la méthode de Denis Diderot (2013) è il suo ultimo libro
APRILE 2017