Il bello che piace

Antropologia del corpo in 10 oggetti
Da (autore)Cristina Cassese

 

Lungo un percorso fatto di oggetti, Cristina Cassese ci accompagna alla scoperta di come costruiamo la nostra idea di bellezza, il più delle volte seguendo i dettami della nostra cultura, talvolta, invece, oltrepassandoli, uscendone nel nome di una concezione di sé e del proprio corpo.

Marco Aime

Leggi l’intervista a Cristina Cassese su “Rolling Stone”

Autore: Cristina Cassese
Prezzo Cartaceo: 17 €
Prezzo eBook: 7,99 €
Data di uscita: 12/05/2023
Formato: 12 x 16,5 cm
Pagine: 256
ISBN: 9791254560105
ISBN ebook: 9791254560365

Leggi la descrizione completa →
Leggi la rassegna stampa →

17,00

Reset

«Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace» è un proverbio che conosciamo tutti e che spesso usiamo per giustificare i nostri gusti individuali. Ma «ciò che piace» non è così soggettivo, anzi, spesso corrisponde a uno o più modelli di conformità estetica definiti dalle società in cui viviamo.

Dall’abbigliamento alle acconciature, dalla depilazione al trucco, dall’igiene personale ai tatuaggi, ogni giorno costruiamo culturalmente il nostro corpo seguendo – o sfidando – un complesso sistema di valori talmente interiorizzato da sembrare naturale. L’antropologia del corpo si occupa di queste pratiche, dei loro significati e dei processi che ne determinano la nascita, la diffusione e persino l’estinzione.

Attraverso dieci oggetti di uso quotidiano (specchio, spazzola, rasoio, lavatrice, profumo, rossetto, bilancia, tacchi, tatuaggio, carta igienica), Cristina Cassese analizza le tante  declinazioni della bellezza in epoche e culture diverse, in un saggio rigoroso e appassionante che permette di scoprire cosa si nasconde dietro gesti e abitudini che diamo per scontati.

«Il corpo che abitiamo è una pagina bianca, una sorta di tabula rasa, su cui ciascuno di noi scrive il suo diario “visibile”, disegnando l’immagine di sé che vuole dare agli altri. Lungo un percorso fatto di oggetti, Cristina Cassese ci accompagna alla scoperta di come costruiamo la nostra idea di bellezza, il più delle volte seguendo i dettami della nostra cultura, talvolta, invece, oltrepassandoli, uscendone nel nome di una concezione di sé e del proprio corpo. Bellezza non come dato naturale, dunque, ma come risultato di un processo, che cambia nel tempo e nello spazio, poiché cambiano le relazioni tra gli individui».

Marco Aime

L’autrice

Cristina Cassese (Taranto 1982), antropologa e formatrice, si occupa di rappresentazioni e stereotipi della contemporaneità, educazione alla relazione di genere, teorie e forme della narrazione. Collabora come consulente per enti pubblici e privati e scrive per periodici e riviste. È autrice e speaker del podcast Nomadismo Professionale (SpotifyApple Podcasts).

Rassegna stampa

Appuntamenti

Ultimi eventi | Eventi

“Il bello che piace” a Libri a Primavera (Lavis)

Circolo Culturale Lavistaperta Via Alcide De Gasperi 5, Lavis

Il bello che piace a Libri a Primavera (Lavis) Mercoledì 5 giugno alle ore 20.30, Cristina Cassese presenta Il bello che piace. Antropologia del corpo in 10 oggetti alla rassegna […]

Bellə per chi? Come comunicare la bellezza oggi

La Saponaria Via dei Trasporti 3, Pesaro

Bellə per chi? Come comunicare la bellezza oggi Sabato 11 maggio alle ore 11 presso La Saponaria di Pesaro, si terrà l'incontro "Bellə per chi? Come comunicare la bellezza oggi" […]